Lo Spot Celebrativo di Sky Movies Disney: scoviamo tutte le citazioni!

Amo gli Easter Eggs. Di conseguenza, amo questo video, realizzato dagli inglesi di Sky Movies HD per celebrare un anno del loro canale dedicato ai film Disney. O comunque una roba simile a quanto ho capito. Ma quello che conta è comunque il fatto che è aperta la caccia.

LISTA IN CONTINUO AGGIORNAMENTO

0:01 Trilli che attraversa il Tower Bridge

0:02 La Sirenetta su uno scoglio nel Tamigi

0:03 Dumbo che vola sopra alla Perla Nera. Nel cielo poi un coccodrillo di nuvole

0:08 Rudy, Anita e buona parte dei 101 Dalmata

0:09 Siamo a Cherry Tree Lane, dove abitava Mr. Banks con la sua famiglia

0:10 Il negozio si chiama Glass Slipper Curiosity (Rarità della Scarpetta di Cristallo) e Cenerentola sta spazzando sognante

0:11 Ok, la vetrina: i biscotti “Mangiami” di Alice e il cappello del Cappellaio Matto (sinistra alto); Tockins, Lumière e Mrs. Bric (sinistra basso); lo specchio della strega di Biancaneve, Grimilde (destra alto); l’arco di Merida e la scarpetta di Cenerentola. Inoltre il campanaccio è fatto con la coda di Ih-Oh

0:12 Gli uccellini di Biancaneve (ma pure di Cenerentola, Aurora e altri…)

0:13 Il cartello Scales and Arpeggios, riferimento alla canzone degli Aristogatti

0:14 Nana (Peter Pan) ed alle sue spalle un muro fatto di porte di Monsters, Inc., senza tralasciare poi i poster sul muro, con a sinistra quelli che sembrano Nemo e il Beccaccino

0:15 Oltre all’ovvio cancello di Topolino: l’Olimpo tra i due palazzi, su uno dei quali si arrampica Elastigirl

0:16 Peter, Wendy, Gianni e Michele che volano su un cielo identico alla tappezzeria della camera di Andy in Toy Story

0:20 Vabbè, Lilli e il Vagabondo MA c’è pure la mela di Biancaneve sul tavolo

0:23 La Torre di Rapunzel e appena dietro, in basso, LA RUPE DEI RE

0:26 Belle che legge tra La Spada nella Roccia e la Rosa della Bestia. Sotto quest’ultima un cartello per il Bosco dei Cento Acri, che però sembra portare al labirinto di Alice

0:28 Il Bianconiglio con tanto di orologio

0:29 I palloncini di Up

0:31 La carrozza di Cenerentola davanti ad un palazzo con pubblicità di: “Harryhausen’s”, il ristorante sushi di Monsters, Inc.; Wall-E e Eve; il Cozy Cone Motel di Cars. Sulla costruzione di fronte con la scritta Flynn’s (Rider?) il logo degli Incredibili, a sua volta davanti al palazzo del gioco Felix Aggiustatutto, pur senza Ralph

0:33 I giocattoli che attraversano la strada sotto i birilli come in Toy Story 2. Inoltre dalla finestra sopra al dentista P. Sherman (con tanto di acquario con Nemo) a Jasmine scappa dalle mani il Tappeto Volante

0:35 Davanti al negozio di Geppetto e Figlio (Pinocchio) passeggiano sette piccoli operai le cui ombre ricordano parecchio quelle di alcuni famosi nani

0:38 Il ristorante 5 stelle Gusteau’s, con tanto di Remy sull’uscio. Che si trova all’angolo di Wallaby Way (ovvio, vista la presenza del dentista P.  Sherman)

0:39 Intanto spunta il maggiolino Herbie, mentre Mary Poppins vola sopra la Cattedrale di Notre Dame

0:42 Sul bordo della strada spunta un Gargoyle, mentre nel palazzo dove amoreggiano Romeo e Duchessa si vede la sagoma di Topolino

0:44 Mary Poppins incrocia i suoi amici spazzacamini sopra i tetti di Londra

0:47 Le amate lanterne di Rapunzel

0:49 Sotto la Luna, la seconda stella a destra 

0:52 Trilli riattraversa il Tower Bridge

Annunci

Ci è piaciuto Frozen? (Considerazioni a caldo)

Frozen-disney-frozen-34977338-1600-900

Finalmente, con un po’ di ritardo ma non molto, ho visto Frozen – Il Regno di Ghiaccio. Non dico di aver atteso questo film con impazienza, ma con la giusta curiosità, cercando di capire che strada avesse intenzione di percorrere la Disney dopo Rapunzel e Ralph Spaccatutto (inframezzati dall’ultimo capitolo di Winnie The Pooh, che però essendo un sequel fa storia a sè).

Come prima cosa, posso dire di essere rimasto piacevolmente soddisfatto: chi mi conosce sa che non sono un grande amante della CGI applicata alla fiaba classica, tecnica che a mio parere, paradossalmente, rende il tutto molto meno “credibile” (passatemi il termine) e magico. Qui, come in Rapunzel e Ralph Spaccatutto, è però usata con la giusta dose di spettacolarità, senza rubare spazio alla trama e con picchi che lasciano davvero a bocca aperta per la meraviglia.

Comparto canzoni: i brani cantati sono tanti, concentrati maggiormente nella prima metà del film, e, sia nella versione originale, che nell’adattamento italiano sono di alta qualità, canticchiabili e difficili da rimuovere dalla testa. Pollice in su anche per la caratterizzazione dei personaggi, che seguono uno schema consolidato in era recente dalla Disney, con un triplo protagonista (qui Anna, Elsa e Kristoff) ed un duo di aiutanti composto da animali/creature dal cuore buono e che fungono anche da vena comica del film, ovvero Sven la Renna e Olaf il pupazzo di neve (caratterizzato in Italia magistralmente da Enrico Brignano).

Ma, perché deve esserci il “ma” seppure non necessariamente negativo, non ho parlato dell’antagonista. Forse perché non risulta memorabile, o addirittura, riconoscibile: Hans ricoprirebbe quel ruolo, ma in realtà la sua cattiveria emerge solo in una fase finale, tenuta a bada da un buonismo doppiogiochista, in un lasso di tempo fin troppo breve per permetterci di scolpirlo nella memoria come un indimenticabile villain. Il duca di Weselton è una macchietta, ma riesce ad essere più antagonista lui di Hans, a mio parere. Si cerca di ripercorrere quanto fatto in Ralph Spaccatutto, con un antagonista che si rivela inaspettatamente nelle battute conclusive, ma senza le solide basi narrative del classico videoludico.

Volendo, pensando anche alla fiaba da cui trae alcuni elementi, La Regina delle Nevi di Andersen, potremo considerare Elsa una atipica antagonista, in quanto gran parte delle sventure narrate del film sono involontariamente conseguenti all’incontrollabilità dei suoi poteri.  E questo è decisamente un carattere innovativo per un Classico Disney, con la storia d’amore che ruota attorno al legame tra sorelle più che sulla classica romanzata principe e principessa.

Innovativo anche perché si parla di matrimonio, è vero, ma con un ottica stranamente critica: il classico colpo di fulmine fiabesco è scoraggiato, e si rivelerà una strada pessima. E, se ci avete fatto caso, è uno dei pochi Classici Disney basati su fiabe con storie d’amore a non chiudersi con un matrimonio. Si dà chiaramente ad intendere che Kristoff e Anna si frequentino, ma non ci sono elementi che riconducono alle loro eventuali nozze.

Insomma tanti elementi positivi e qualche pecca, soprattutto sul lato dell’antagonista. A mio parere un ottimo film, capace di riunire uno stile marcatamente classico nella costruzione della fiaba ad uno più legato ai canoni moderni dell’animazione. Strappa una risata, un sorriso, ma magari non una lacrima: diverte ma non commuove. Non è un male, lo so bene che si tratta di un film per bambini (principalmente bambine, anzi), ma per questo lo colloco un gradino sotto i predecessori Rapunzel e Ralph Spaccatutto.

Memorable Quotes #9

WRECK-IT RALPH

“Io sono un cattivo… e questo è bello!

Io non sarò mai un buono e questo non è brutto!

Io non vorrei essere nessun altro… a parte me.”

(Ralph, Ralph Spaccatutto)