Ci è piaciuto The Amazing Spider-Man 2?

___the_amazing_spider_man_2____hd_wallpaper____by_pokethecactus-d6iolu0

Premessa: il primo film mi ha lasciato abbastanza indifferente. Sono un buon fan dell’arrampicamuri, ma, cinematograficamente parlando, di quella schiera che ha amato davvero molto tutta la prima trilogia di Raimi, e che era certo che difficilmente si sarebbero fatti due primi capitoli migliori (sul terzo si vedrà). Ma oggi concentriamoci su questo nuovo reboot che prende molti spunti dalla versione Ultimate di Spider-Man.

Tornando al primo film, lo avevo mal sopportato per diversi motivi: di certo non per la sceneggiatura, ma per la realizzazione tecnica. Gli scontri tra Spider-Man e Lizard erano realizzati con una CGI ai limiti dell’indecenza per un film del 2012 sui supereroi, senza contare il pessimo design di Lizard; le tante scene utili solo a far pensare “certo che però il 3D, eh”, ma paradossalmente del tutto inutili ai fini della spettacolarità; l’eccessivo e a tratti fastidioso product placement della Sony, che va bene che c’hai i diritti e ti devi promuovere, ma non è possibile che qualunque dispositivo elettronico e a New York è marchiato (ben in primo piano) col tuo nome; un costume che pareva ritagliato da un pallone da basket, con tanto di lenti da occhiali da sole per gli occhi, che lo rendevano, citando l’inarrivabile blog del Doc Manhattan, The Amazing Spalding-Man; la leggera carenza di strizzatine d’occhio ai fan del personaggio, delle chicche un po’ più nascoste per i più attenti.

E The Amazing Spider-Man 2 ha ancora questi (secondo me) problemi? Ecco, perlopiù no, ma non del tutto. La realizzazione tecnica fa un netto passo in avanti: le scene dove Spider-Man sembra muoversi all’interno di un videogioco non interattivo (e non in un ambiente verosimile) sono poche e non di particolare rilevanza. Quelle ammiccanti al 3D ci sono ancora, stavolta in numero ancora maggiore e per quelli (come me) che ci piace ancora il 2D, possono risultare fastidiose. Così come ancora una volta può risultare fastidioso pure il product placement Sony, con la famiglia Parker affezionatissima alla ditta giapponese a quanto pare, anche se STRANAMENTE  l’unico device elettronico rilevante ai fini della trama è targato Hewlett-Packard.

Ma andiamo alle note positive. Il costume: il più bello mai fatto per una trasposizione cinematografica di Spider-Man, punto. Easter eggs? Il film ne è stracolmo, e non fa altro che spararti in faccia, più o meno palesemente, i progetti futuri della Sony per l’Uomo Ragno, che paiono davvero interessanti. Le indiscrezioni sull’eccessiva quantità di villains in questo film crollano nel dimenticatoio dopo la visione, non avendo più motivo di esistere. Anche qui sceneggiatura e regia mi sono piaciute, così come Andrew Garfield, a cui calza a pennello lo Spider-Man simpatico guascone nerd. Emma Stone piace, ci mancherebbe, perché qui è tanto brava quanto bella.

Ed Electro? Lo scontro più tamarro che ricordi nella storia dei film sui supereroi. La colonna sonora si esalta ed esalta, legando Electro alla musica elettronica, anche qui regalando delle simpatiche chicche nella battaglia conclusiva. Bene Dane DeHaan come Harry Osborn, al quale non avrei dato due lire nella versione Green Goblin ed invece ahpperò.

L’epilogo della pellicola, per chi conosce la storia uno dei momenti di maggiore importanza all’interno della storia editoriale e non solo di Spider-Man, è reso in maniera fin troppo scenografica, anche qui ammiccando in maniera insistente al 3D. Non si raggiunge la potenza, il pathos, l’imprevedibilità che in Amazing Spider-Man #121 cambiarono non solo la vita di Spider-Man, ma quella dei fumetti in generale.

QUINDI? Consigliato, andate a vederlo al cinema però, anche perché a casa, se non avete impianto audio e video coi cosiddetti fate prima a non guardarlo. Molto spettacolare, di forte impatto visivo. Si poteva fare di meglio? Decisamente si, MA se non avete mai letto il fumetto e vi piacciono i film ricolmi di effetti speciali potreste apprezzarlo decisamente di più.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...