Dragon Ball, un breve viaggio tra nomi e leggende

Dragon_Ball_logo

Oggi facciamo un salto in terra giapponese e parliamo un po’ di Dragon Ball, versione Anime. Lo so, lo avete visto per intero tutti almeno sette volte, ma proverò lo stesso a dirvi un paio di cose che probabilmente non sapete.

Partiamo innanzitutto da uno degli elementi chiave della prima serie (quella con Goku pischello per intenderci), ovvero la scelta di creare un protagonista con la coda da scimmia. Il papà di Dragon Ball, Akira Toriyama, ha preso grande ispirazione dalle storie della tradizione cinese, in particolare da “Viaggio in Occidente”. Ma più che dalla storia risalente alla fine del 1500, è più probabile che Toriyama (nato nel 1955), sia stato segnato dalla visione della rispettiva trasposizione filmica, di animazione ovviamente, intitolata “La Principessa dal Ventaglio di Ferro” (1941, pellicola che è tra le altre cose la risposta cinese a “Biancaneve e i sette nani” della Disney, uscito nel 1939).

Il protagonista è tal Sun Wukong, che in giapponese si traduce, guarda un po’, Son Goku, ed è l’Affascinante Re delle Scimmie, sovrano e monaco guerriero mezzo-primate che combatte con un bastone allungabile. Aggiungiamo che sia di natura infantile e dedito alla lotta, che abbia vesti rosso-arancioni che ricordano quelle dei monaci, che viaggi sempre e solo in gruppo e mi pare che l’ispirazione in questo caso sia più che evidente.

Altro retroscena simpatico riguarda i nomi dati ai personaggi delle storie. I nomi umani da uomo sono spesso storpiature di cibi e bevande: Crilin (nella prima serie doppiato da Veronica Pivetti, se non lo sapevate) significa una roba tipo “castagna shaolin”, Yamcha, Iamko in Italia, vuol dire “bere il the”, Tenshinhan (Tensing) deriva dal piatto cinese Tenshindon, Gohan è il riso bollito e così via. Per i Sayan solo verdure: Vegeta (qui è evidente), Nappa (alias cavolo cinese), Radish (ravanello), Kakaroth, ovvero Goku (carota). E chi li stermina se non il freddo Freezer e suo padre Re Cold?

Parlando di nemici è facile capire cosa voglia dire Cell (cellula), così come sono quasi sicuro che non avete mai fatto caso al fatto che il mago Bibidy, padre di Babidy, ha creato Bu (si, è la formula della Fata Smemorina). Ma la più bella in assoluto è la squadra Ginew, formata appunto da Ginew (latte), Rikoom (crema), Guldo (yogurt), Butter (burro) e Jeeth (formaggio): un team di latticini.

Per le donne invece, quel bravo porcellone di Toriyama, ha deciso di puntare su altro. Le più famose: la pronuncia di Chichi in giapponese suona come la parola “seno”, Bulma è la storpiatura della parola giapponese che indica gli shorts aderenti. Quest’ultima ha un figlio che si chiama Trunks (pantaloni corti, in inglese) e una figlia di nome Bra (reggiseno), e di cognome fa Briefs (mutande). Chiudo con Mr.Satan, papà di Videl (Devil, ovvero diavolo, letto al contrario).

Ultima chicca: vi siete sempre chiesti che diavolo significasse la Z di Dragon Ball Z? Fu un errore degli autori del logo, che avevano disegnato talmente male il 2 del titolo scelto (Dragon Ball 2), che sembrava una Z. Alla fine risultò comunque accattivante e si decise di mantenerlo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...